mar 07 mag | Associazione Culturale Comala

Narrazioni in movimento

La registrazione è stata chiusa
Narrazioni in movimento

Orario & Sede

07 mag 2019, 12:30 – 08 mag 2019, 17:30
Associazione Culturale Comala, Corso Francesco Ferrucci, 65/a, 10138 Torino TO, Italia

L'evento

Descrizione

Il nostro contemporaneo è dominato dalla comunicazione, da un flusso costante e ininterrotto di narrazioni: visive, audio, audio-visive, scritte. La quantità di informazione/i tra la quale riuscire a districarsi ed orientarsi non sempre è accompagnata dalla qualità, dall’approfondimento, dalla volontà di provare ad osservare temi da prospettive diverse, non viziate dai temi dell’agenda politica del momento. La narrazione che ci viene offerta oggi è spesso statica e diventa un facile e pericoloso strumento di amplificazione e rafforzamento di stereotipi e di discriminazioni di ogni tipo. Con questo percorso partiremo dalla riflessione sui nostri stereotipi,  sulle news, sulle fake news, sui linguaggi utilizzati dai mass media, dai social per poi arrivare a riflettere su come tutto questo, che spesso appare solo come teoria, possa influenzare i territori, i quartieri nei quali viviamo quotidianamente.

Attraverso il confronto con esperienze diverse – progettuali, dal basso - ed il coinvolgimento attivo dei partecipanti, il laboratorio tenterà di esplorare e suggerire strumenti in grado di riconoscere e e dar vita a una narrazione altra, che non fissa e stigmatizza l’altro, il diverso, ma prova a restituirgli una voce: la sua. 

Il percorso sarà condotto in collaborazione con i formatori dell’ONG Engim Piemonte – Internazionale, esperti in attività di Educazione alla Cittadinanza Mondiale, che durante il workshop, avranno anche modo di raccontare il progetto Storie InterRotte: un reportage multimediale frutto del progetto europeo Frame Voice Report!, a cura dei giornalist* Andrea De Georgio e Annalisa Camilli (Internazionale) e del fotoreporter Michele Cattani, che racconta, in parallelo, storie di migrazione dal Ciad e dal Mali e dalla frontiera franco-italiana, analizzando le ragioni della migrazioni, le difficoltà del viaggio o le possibili alternative incontrate, fino ad arrivare alle storie di respingimenti, ma anche di accoglienza e inclusione.

Obiettivi

 Ampliare le proprie conoscenze sui media e sulle tecniche di comunicazione

 Riconoscere casi di discriminazione e di odio on-line, sui canali social, e off-line sul proprio territorio

 Relazionarsi con il proprio quartiere: conoscere le realtà – gruppi informali, associazioni, etc. - che si occupano di contrastare con il loro lavoro e la loro presenza i vari generi di discriminazione; analizzare casi di discriminazione e di odio avvenuti – o in essere – sul proprio territorio; 

 Attivare un spazio di riflessione e confronto con i propri coetanei per trovare degli strumenti di contrasto all’odio – on e off line

 Confrontarsi con esperienze che portano con sé narrazioni diverse dei soggetti maggiormente discriminati

Sono disponibili 25 posti, rivolti giovani dai 18 ai 30 anni

Per ulteriori informazioni: info@comala.it

Calendario

7 e 8 maggio dalle 12.30 alle 17.30

Condividi questo evento